Progetto - Fisiomassotrax.com

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Progetto

RELAZIONE MEDICA

La pratica fisica quotidiana porta alla necessity di evolversi nella ricerca del trattamento del dolore lom-bare e/o sciatico, con tecniche che influiscano in modo positivo sulla patogenesi del dolore stesso.
L’insorgenza del dolore, in questi casi, riconosce più cause ma le più frequenti sono:

  • aumento di carico su strutture legamentose ed articolari insorto sia in modo acuto che subacuto con sovraccarico a livello delle faccette articolari, dei legamenti articolari, dei legamenti longitudinali e anulari; seguito da protrusione discale ed irritazione delle strutture nervose recettoriali e produzione di dolore;

  • contrattura della muscolatura paravertebrale lombare e dorsale che induce atteggiamenti scoliotici, rettilineizzazione della fisiologica lordosi con appianamento della curva ed alterata distribuzione di carichi sulla struttura, con realizzazione di atteggiamenti posturali coatti in flessione, flessione laterale, andatura zoppicante;

  • sindrome irritativa radicolare con irradiazione bilaterale o monolaterale per edema dei tessuti, for-mazione di prodotti irritativi (sostanza P nel dolore discogeno), compressione o stiramento delle radici nervose nei forami di coniugazione che dinamicamente sono ridotti di calibro dalla tensione muscolare in compressione che si realizza.

Il terzo punto non verry qui considerato in quanto trattato con terapia farmacologia e quindi di competenza strettamente medica.
La terapia fisica, non elettrica o iniettiva, trova invece indicazione nei primi due punti: stiramento lega-mentoso ed articolare, contrattura muscolare.
Ad oggi, il trattamento su queste due componenti è però dicotomizzato; o massoterapia o trazione. La ricerca deriva quindi da questa considerazione: il trattamento così attuato richiede notevole energia e incisivity se utilizziamo o la trazione o il massaggio; azioni energiche che a volte sono mal sopportate dal paziente con dolore.
Si rende quindi di rigore l’associazione delle due metodiche, realizzando un lavoro ad alto rendimento per il paziente, escludendo azioni energiche, ma integrando le azioni vantaggiose che ognuna delle metodiche possiede.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu